Incidenti in calo nel primo semestre del 2013

La Polizia Locale ha redatto la relazione semestrale sugli incidenti stradali. Corso Milano e la SP44 restano le vie più pericolose.

| di Gianfranco Lagonigro
| Categoria: Attualità
STAMPA

Qualche giorno fa è stata redatta dal corpo di Polizia Locale la statistica semestrale del 2013 sugli incidenti stradali a Bovisio Masciago.
Genericamente il dato sul numero di episodi del primo semestre del 2013 risulta essere migliore rispetto a quello del primo semestre del 2012.
Quest'anno sono 13 i sinistri totali rilevati dal 1° gennaio al 30 giugno, di cui 10 con lesioni e 3 solo con danni alle autovetture, contro i 18 registrati nello stesso periodo nel 2012 - di cui 15 con lesioni alle persone e 3 con solo danni ai mezzi.

I dati interessanti emersi dalla relazione riguardano soprattutto l'età degli automobilisti coinvolti, i luoghi in cui sono avvenuti i sinistri e le fasce orarie in cui si sono verificati.

Nella prima metà del 2013, 34 persone sono rimaste coinvolte in incidenti, per fortuna senza alcun decesso, di cui 9 con una media di tra i 41 e i 50 anni, 8 persone tra i 34 e i 40 anni e altre 8 tra 21 e 30 anni di età.
Un anno fa sono state invece 49 le persone coinvolte in sinistri e più della metà con una età media  tra i 31 e i 50 anni.

 

 

 

Le zone di Bovisio Masciago con il maggior numero di casi nel 2013 sono l'incrocio di via Bertacciola e via Asiago e la SP 44 bis (Comasina) con via Bonaparte e corso Milano (su quest'ultimo incrocio verrà realizzata una nuova rotonda - leggi l'articolo).

Nel 2012, si sono documentati più scontri in corso Milano e sulla SP 527 (Monza-Saronno), seguite poi dalla SP 44 bis e via Bonaparte.
Questo quadro di riferimento conferma che le zone a più alto tasso di scorrimento veicolare sono, di conseguenza, quelle che registrano il più alto numero di incidenti nella nostra città.

Anche le fasce orarie possono essere un indicatore utile alla comprensione del fenomeno: nel 2012 la fascia oraria più calda è tra le ore 12 e le 14.30, mentre nel 2013 tra le 13 e le 13.30 e le ore 17-17.30. Sono infatti "orari di punta" in cui il traffico e il numero dei mezzi in circolazione aumenta in modo esponenziale facendo aumentare così le probabilità di incidenti.

Un altro dato importante da segnalare è la statistica sinistri per infrazioni contestate. Nel 2012, gli incidenti maggiori si sono verificati per provenienza da passaggio privato, controllo inadeguato del veicolo da parte del conducente, cambiamento di direzione, velocità elevata e -durante gli accertamenti- alcune vetture risultavano addirittura prive di assicurazione.
Anche nel 2013, il dato non è cambiato di molto: la provenienza da passaggio privato resta in testa alla classifica, seguita dalla mancata precedenza a destra, dal controllo inadeguato del veicolo e dall’arresto del veicolo all'intersezione. Accertati, anche per quest'anno, veicoli coinvolti privi di assicurazione - leggi l'articolo per approfondire - ed un automobilista che circolava con la patente ritirata.

Infine, la tipologia di veicoli nel primo semestre 2012, è composta al 65% da autovetture e più del 10% da autocarri, mentre quest'anno, il 68% è composto da autovetture e il 10% da motocicli.

 

 

 

 

 

 

 



 

Gianfranco Lagonigro

Contatti

redazione@bovisiomasciagonews.net
mob. 338.2472094
mob. 345.9970096
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK