Il Teatro è anche Cultura. Produzioni di alto livello per emozionare il pubblico

Venerdì sera, al teatro La Campanella, la presentazione della stagione teatrale 2013/2014.

| di La Redazione
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

Si è svolta venerdì scorso, al teatro La Campanella la presentazione ufficiale della stagione culturale di Bovisio Masciago.
Per l’evento erano presenti diversi attori e registi, tra i quali Andrea Panigatti e Laura Curino, Roberto Rustioni, la drammaturga Chiara Boscaro, l’aiuto regista di Aspettando Godot con Natalino Balasso e Juri Ferrini, e ancora il regista Filippo Soldi del teatro in-folio e la direttrice artistica della stagione Michela Marelli. I protagonisti della stagione hanno intrattenuto gli spettatori raccontando loro non solo il programma della stagione teatrale 2013-2014, ma anche parlando di cultura.

Ogni intervento veniva accompagnato da un brano eseguito dalla voce di Nicoletta Tiberini e da Massimo Betti alla chitarra. Dalla Chimera, in scena il 26 ottobre alle 21, la storia di una donna condannata per stregoneria, che vedrà Lucilla Giagnoni, attrice apprezzata per la sua grande energia in scena, , ai tre atti unici di Cechov, in calendario il 9 novembre alle 21, raccontati dalla regia. “Vi divertirete tantissimo- ha sottolineato Roberto Rustioni- . Cechov parla in questi atti di amore e lo abbiamo riattualizzati. Dalle difficoltà di comunicare, alle relazioni bizzarre raccontate da un autore d’eccezione. Non potete mancare”. “Fare teatro in Provincia- ha spiegato la Marelli- è anche riuscire a scegliere spettacoli che riescano a conquistarsi un pubblico che non sempre è clemente. Gli scorsi anni, frequentando poi Bovisio, mi capitava spesso di imbattermi in persone che commentavano in positivo o in negativo gli spettacoli scelti. Ecco perché bisogna trovare produzioni di alto livello che facciano emozionare il pubblico”.
Cesar Brie è stato presentato da Filippo Soldi: “Un uomo di spettacolo che incanta il suo pubblico per la sua bravura, che riesce a tenere il palco divertendo il pubblico, non perdendo l’occasione di farlo riflettere”. Un attore dal grande fascino, secondo le donne in sala, che sicuramente conquisterà anche la platea di Bovisio con “120 chili di Jazz” il 30 novembre alle 21.
Andrea Panigatti, della compagnia i Gordi, ha invece presentato “Il Grande Gigante Gentile”, spettacolo per ragazzi, che andrà in scena il 15 dicembre alle 16,30. “Fare spettacolo per ragazzi non è far qualcosa da meno- ha spiegato in sala Laura Curino-. Sono proprio i bambini i più difficili da conquistare, perché loro non ci pensano due volte ad andarsene se quello che si rappresenta non interessa”. “Riusciremo con il Grande Gigante Gentile- ha continuato Panigatti-, ad attirare la loro attenzione con uno spettacolo in cui ombre cinesi, tecniche circensi e teatro  si intercaleranno sul palco”.

Della meravigliosa storia di Bakhita, in scena il 21 dicembre alle 21, hanno parlato il drammaturgo Filippo Soldi che ha anche curato una produzione televisiva su Rai 1 e  Laura Curino che ha lasciato che un brano dello spettacolo lo presentasse. “La storia di una bambina africana, rapita nell’ottocento e diventata schiava in Italia, che con la sua enorme fede riesce a riscattarsi fino a diventare Santa”. Una storia vera che ha dell’incredibile e che sarà messa in scena prima di Natale.
“Le Lacrime del Principe” della compagnia Mattioli sono invece state presentate da Michela Marelli, che ha scelto il divertente spettacolo adatto dai 3 anni in su, messo in scena alla Campanella il 12 gennaio alle 16,30.
Natalino Balasso e Juri Ferrini con il loro “Aspettando Godot” non avevano bisogno di presentazioni, della loro innata ironia ha però parlato l’aiuto regista dello spettacolo che sarà in scena il 25 gennaio alle 21 e mostrerà un “Aspettando Godot” divertente ed esilarante, forse proprio quello che Beckett avrebbe voluto vedere in scena.
“Pippi Calze lunghe” a cura del teatro in folio è il terzo spettacolo rivolto ai ragazzi, in scena il 9 febbraio alle 16,30.
Di “Madri”, in scena il 15 febbraio alle 21, e di “Vecchia sarai tu”, in cena l’8 marzo alle 21, ha poi parlato la direttrice artistica che ha scelto i due spettacoli che raccontano di donne speciali.
Presenti alla serata il sindaco di Bovisio Emanuele Galimberti e l'Assessore alla Cultura Giovanni Sartori: “Anche quest’anno con la sinergia del Comune,  del teatro in-folio, e dei tanti che gestiscono il Teatro La Campanella siamo riusciti a portare qui un’ottima stagione. - ha dichiarato Galimberti- Ora sono i cittadini a dover cogliere l’occasione di partecipare, magari anche regalando qualche abbonamento per Natale, io mi sono già abbonato”.

 

Immagini e comunicato di Daniela Salerno

La Redazione

Contatti

redazione@bovisiomasciagonews.net
mob. 338.2472094
mob. 345.9970096
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK